lunedì 22 agosto 2016

Sassolini

Questo post è dedicato a Jessica. Non siamo mai state "amiche", al massimo più che conoscenti, o quasi. Ci rispettavamo. L'ho difesa, le ho voluto bene a distanza e ho sempre invidiato la sua stramaledetta voglia di vivere. Jessica è ottimismo, allegria, pazienza. Ha sempre dato agli altri il meglio di sé. L'hanno invidiata, copiata e in passato si è circondata di serpi. Jessica è una vincente, non ha bisogno di prendersi sul serio. Merita tutto il bene possibile! Ha una bambina bellissima!!!!!

La invidio da morire!

Ormai lo dico da un decennio: la rete è cambiata. I blogmaster e i webmaster sono scappati su Facebook. La rete non perdona, per la verità ha poca memoria. Un tempo eravamo fantasiosi, pionieri, soprattutto modesti. Non avevamo bisogno del nome e cognome, ci rispettavamo comunque anche con un Nickname. Ci scambiavamo opinioni, mail e messaggi senza tante pretese. Ho avuto un sito con un centinaio di iscritti alla newsletter (per l'epoca erano tanti), se dovessi dire "Sono Madame Vattelapesca",  nessuno si ricorderebbe delle mie ricerche, interviste, musiche di sottofondo e gif animate. Appartengo a quei dinosauri in via di estinzione, i bgsound, i file mid sono  un vago ricordo - per pochi- . E al diavolo Dreamweaver! Ho aperto blog animalisti e fotografici, e ho avuto la fortuna di incontrare artisti che mi hanno insegnato la parola "UMILTA'". Umiltà non vuol dire credere di essere il MESSIA, filosofeggiare di scienze pseudo orientali, senza comprendere gli altrui sentimenti. Le regole sono semplici:  RISPETTO, UMILTA' E SOPRATTUTTO IRONIA! Non sopporto chi si prende troppo sul serio, chi è convinto di seguire "LA RETTA VIA". Non sopporto le pseudo sacerdotesse (Chi sei? Che mi rappresenti? Che hai fatto nella vita?), i pretenziosi giornalisti dell'ultima ora, gli artisti convinti, gli zen pensieri e tutti i Coelhlo e gli Saint-Exupéry. A me le frasi del tipo "Ascolta il tuo cuore. Esso conosce tutte le cose." (Cit, Coelho) mi fanno scendere il latte alle ginocchia e mi fanno venire i reumatismi al perineo, naturalmente femminile. Sono volgare? La volgarità intellettuale è ben più grave.
Tredici anni fa frequentavo, in rete, professori, storici, scrittori (VERI) e artisti, e, nonostante qualche capocciata, erano brave persone, comunicavano con te, non filosofeggiavano, ti snobbavano, criticavano o/e ostentavano titoli. Soprattutto non giudicavano, fingendo di non farlo. Chi sale in cattedra e pretende di dare lezioni non ha mai smesso di imparare (parafrasando Wilde che è decisamente meglio di Coelho. Se volete Coelho leggetevi tutti i The Key del caso). 
In rete si gareggia: chi ha sofferto di più! Chi ha letto di più! Chi ha viaggiato di più! Chi ha più esperienze! Chi è più yoga pensiero! Chi è più Shabby! Chi è più cuoco! Chi è più bravoafaretutto!

La mia vita è cambiata, ha preso un'altra strada. A poco a poco ho abbandonato la COMUNICAZIONE (forse ho disimparato), e se oggi scrivo queste due righe è perché non vedo fantasia, collaborazione e spirito di avventura. Alcuni Webamici fingono di non conoscermi, nonostante abbia ascoltato molte delle loro paranoie, altri (quasi tutti) sono spariti dal web, alcuni, sembra brutto dirlo, sono morti. Faccio parte di un mondo che non c'è, che nessuno ricorda, un mondo in cui una "lucina" animata e lo stile (non shabby) avevano senso. I siti erano espressione, arte, maestria. Oggi c'è Facebook. I programmatori sono stati scavalcati dalla sindrome Pollyanna. 
Siamo tutti amici!





Non rimpiango i personaggi che ho interpretato in rete, il passato è passato, rimpiango le belle persone. 

Sbrocco quando leggo su blog famosi strafalcioni del tipo: ricorda i tempi passati, quando la vita aveva ritmi rilassanti e ci si circondava di mobili romantici... dal gusto intimo.

Dove? Prima di scrivere certe cazzate, prima di distruggere la mente agli adolescenti, leggete, viaggiate, andate nella vostra PROVENZA e guardate i negozi, i mobili, andate DAVVERO per mercatini di antiquariato, parlate con gli anziani e chiedete loro se vivevano in modo rilassante. In quale epoca si viveva meglio? A Versailles? Alla corte dello Zar? Leggete qualcosa sui vecchi mestieri (arrotini, carbonai, satterieri, polipari...), spiate dentro le cucine e se proprio vogliamo tuffarci in epoca Vittoriana, percorriamo i bassifondi... leggete Dickens. Dove si viveva meglio? Le tendine colorate, le porcellane, un certo mobilio non appartenevano a tutti, ma tutti possedevano mobili di legno, non è una novità, quello c'era! Zappare la terra non è una passeggiata, nemmeno ricamare dalla mattina alla sera.

Sbrocco dinanzi a cotanta sapienza! Conto fino a dieci quando mi trovo davanti ad un saputello, spesso saputella. Non se ne può più di tutti gli artisti e filosofi dell'ultima ora! 

Le regole sono semplici: leggete, siate modesti, ascoltate, comunicate e non prendetevi sul serio! Non esiste una sola strada, un solo pensiero e soprattutto basta con l'ottimismo spicciolo! Ironiche/ci sì, idiote/i no!

Di Jessiche ne esistono poche, sfortunatamente per me.

Mi scuso per la lezioncina non voluta e per la mia scrittura. Scritto velocemente. Questo post ha perso in partenza.

Mi scuso anche con Jessica per averla fatta entrare in questo post. Sottolineo, però, la mia stima e ammirazione.

http://www.inmouveritas.ifood.it/

6 commenti:

  1. Questo post fa salire più di qualche brivido di nostalgia, bellissimo :)
    ti abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo sito che visitai fu uno sui vampiri, la prima mail fu vlad vattelapesca, tanto per capirci! Insomma il sito era stupendo, e mi incavolai quando il pc si bloccò... 56k, risoluzione 800x600! Bei ricordi... scherzi a parte, ti capisco, anzi di tanto in tanto penso alle tue potenzialità (html, css ecc)! La rete ormai, e parlo di software, è for dummies! Non si crea nulla, i commenti sono didattici! Manca il cuore, ed è di quello che provo nostalgia! Jessica è sempre stata molto carina con me, mai esagerata, leziosa!Mi manca la comunicazione senza secondi fini, la comunicazione pura senza che qualcuno si debba mettere su un piedistallo! Per questo, secondo me, lei vivrà meglio di tante altre che sono predestinate a cadere! Si scaldano, puntano il dito, si invidiano!!! Poi, fai notare qualcosa e vanno in autodifesa! Allucinante! Mi manchi tu, sonic, Cailleach/Miriam e perfino il folle di morfeo! In fondo eravamo mezzi pazzi! La Franci si diverte ancora, a me, che devo fare, manca il senso dell'umorismo! Ho perso il quid, ahahahah Bacioni

      Elimina
    2. I primi siti! I miei furono StregaNera (non esiste più), StregadelleMelle (of course), Ginevra2000 (l'ho appena cercato, esiste ancora!) e AcqueStregate, che tempi, che pagine piene di suggestioni, guardavo i vostri siti e per me eravate delle vere star, vi ammiravo ognuna per un motivo diverso, e la cosa più bella è che eravate persone perfettamente raggiungibili. Già pochi anni dopo con la "blogosfera" capì che le "star" non erano più raggiungibili manco per niente, che parlavano tra di loro e se tu non avevi un certo numero di visualizzazioni manco ti calcolavano. Una volta eravamo tutti "strani" e "matti" e ci si divertiva, poi i "normali" hanno riempito e fagocitato gli spazi. Ormai quando aggiorno il mio blog lo faccio non perché penso di scrivere qualcosa che interessi a qualcuno o perché penso che sia scritta "bene", ma perché magari ho proprio l'esigenza di sfogarmi nero su bianco tipo ieri, scrivo per me più che per condividere, non ci spero più di raggiungere qualcuno o di cambiare qualcosa. Ma comunque la colpa è anche mia, abbiamo parlato tante volte della vita di comunità, io sono una tipa "silenziosa", intervengo poco, quando lo faccio ho sempre paura di passare per maestrina, mi faccio mille problemi se romperò o meno le palle con la mia "razionalità" storica e scientifica, non so più quante volte mi sono iscritta a Violandia (per dirne uno) e poi ho lasciato perdere perché pur parlando poco mi sentivo un fastidio e di troppo. Jessica nemmeno si ricorderà del breve periodo in cui ci commentavamo su Splinder, ma penso sempre che da persone come lei e Niviane abbiamo tutti da imparare per riuscire a vivere bene il web. E tu be' tu hai il quid, non dire cazzate, e quello non puoi insegnarlo a nessuno, sei l'anarchica della Congrega e puoi permettertelo, perché Tu sei Tu e AcqueStregate sarà sempre la meraviglia delle meraviglie.

      Elimina
  2. Sai che condivido ogni parola. Tutto. Ho mollato il web più volte e sappi che se via via sono tornata è solo per te, perché mi sei sempre mancata (lo scrissi anche quando riaprì l'ultimo blog), e forse nella speranza che il web tornasse ad essere quello di un tempo, quello dei sognatori dell'impossibile, e non di tutti questi grandi "fighi" con una vita sempre stupenda che la sanno sempre più lunga degli altri che si attribuiscono gradi di importanza per qualche training fatto e poi si invidiano a vicenda (e ne conosco di storie) oppure che si prendono sfacciatamente i meriti o i maggiori meriti di cose fatte in un gruppo e se ne vantano come fosse tutta roba loro (e anche questo lo dico con cognizione di causa), per non parlare dei politicanti dell'ultima ora o quelli che criticano tutto facendo i ribelli, quelli che hanno sempre ragione, che ti riempiono di citazioni ecc.... Dei sognatori che si raccontano, che si accompagnano reciprocamente nei loro sogni non c'è più traccia. Prima mi divertivo, ora mi annoio. Mi iscrissi a fb proprio perché mi invitò Jessica perché vedessi le foto della bimba, se sono su fb è tutta colpa sua :D . Lei morde la vita, io l'ho sempre ammirata moltissimo e la ammiro ancora.


    :*

    RispondiElimina
  3. Simo, con me apri una porta aperta.
    Potrei scriverti due pagine di cose successe che ricalcano ciò che racconti.
    Si possono anche avere idee opposte, ma quando si va oltre lo scambio di idee diverse e diventa aggressione, maleducazione,come nei casi che hai raccontato,allora è inaccettabile. Diciamo che non sempre le persone meritano che gli venga donato uno sforzo di gentilezza, non in questo web qui. Tu non hai mai avuto peli sulla lingua, io cercavo di misurare le parole. Credimi, sarà la menopausa ma mi sta diventando quasi impossibile. Molta gente sul web è ormai piena di se, aggressiva, sempre in cerca dell'approvazione altrui e spesso maleducata.
    La nostra ricerca del magico, delle fate, il nostro inseguire i sogni era fatto con intelligenza, rispetto e voglia di condividere. Oggi le occasioni per irritarsi sono frequenti.
    Esempio: sai che studio Avalon da anni (quasi 20). Ho trovato una che aveva fatto un anno di quei training inglesi (e che non si era mai interessata ad Avalon prima) che mi voleva spiegare Avalon (e non ti dico gli strafalcioni).
    Ed è noto che in quei training di Kathy Jones insegnano la visione tutta arbitraria di Kathy, ma per questa qui era oro colato, perché è troppo sforzo cercare un pò di cultura nelle leggende, nei miti. Meglio imparare a pappagallo una qualsiasi minestra già pronta e poi farla passare per verità assoluta.

    :*

    RispondiElimina
  4. A me Leland,Graves, Frazer ecc... piacciono molto.;)

    Sul "periodo vittoriano e, aggiungo, quello di Jane Austin , anni fa scrissi un post proprio per dire alle signorine che affermavano che "le donne erano più rispettate" che nemmeno gli facevano prendere l'eredità del padre, che mentre l'uomo scorrazzava a cavallo, si arricchiva, faceva tutto ciò che egli gradiva, la donna doveva stare pacatamente e pazientemente al suo posto. E poi va bè... la povertà dilagante, le malattie allora ancora incurabili. Che dire dei celti? Vivere in una capanna, stare sempre pronti a qualsiasi aggressione, non sapere mai se mangerai anche domani, ogni epoca ha le sue cose belle, spesso di natura artistica e culturale, e tanta bruttezza (guerre prima di tutto).
    Ma io ho sentito anche dire cose tipo che le antenate sacerdotesse erano donne libere che felici e gioiose danzavano in cerchio sotto la Luna. Nessuna traccia dei dogmi, tabù restrizioni, fumi velenosi, trance forzate ecc... a cui dovevano sottostare e sottoporsi
    Oggi è tutto relativo. Molti si atteggiano a storici, archeologi ecc.. solamente dopo aver visto un museo, o aver letto un libriccino o dopo aver fatto una ricerhina sul web. Ognuno la sa più lunga dell'altro. È come dici tu, una gara su tutto. E spesso con maleducazione.

    Ti, anzi, vi abbraccio ;******

    RispondiElimina