giovedì 18 maggio 2017

Simbiosi - Osmosi

A Silvia.



Questa è una storia nella storia. Un racconto che non ha fine.
La vita è fatta di momenti belli e momenti brutti. Ho avuto buone amiche. Molte, mi sono detta, le ho perse un po' per pigrizia, un po' per il tempo, tiranno, un po' per invidia.
Spesso mi capita di inciampare su quest'ultimo vocabolo. Complesso e tangibile.

Sono detti simbionti gli organismi che vivono obbligatoriamente un rapporto con altri organismi viventi e non per forza traggono reciproco vantaggio della vita in comune.


Ho una memoria di elefante, sebbene gli elefanti non li abbia conosciuti! Forse, da bimba, al circo. Da piccola, al circo ci andavo e negarlo sarebbe stupido. Sono una persona complessa, mi pongo tante domande e raramente sposo una causa. Non sono simpaticissima, ma, ringraziando le vostre dee, a me l'ironia non manca!
Tra le tante questioni c'è: che fine faranno le mucche e i maiali quando diventeremo tutti vegani? L'uomo è il più grande nemico di questo pianeta. PUNTO.
Sono una pensatrice e quindi il diverbio scaturisce dopo cinque minuti. Purtroppo, non amo i dibattiti, quelli che non conducono in nessun luogo. E poi mi annoio facilmente. Litigare è facile, pensare è un po' più complicato.
Detto questo, e come sempre non ho ancora raggiunto un punto, sono stata "invidiata" per: la parlantina, l'indipendenza di pensiero, la lungimiranza, lo stoicismo e, soprattutto, la passione.
Nella vita mi è capitato di tutto, e quando dico TUTTO dico TUTTO, eppure c'è sempre qualcuno che non sopporta la mia  forza di volontà.

Mi adatto. 

Piccoli esempi di invidia - Tratti da una storia vera ;)

20 anni fa

"Come fai a vivere in una casa così piccola? Non potrei mai! E come fai a lavorare così tanto? Non lo farei mai!"

20 anni dopo

"Vivi in una casa grande? Meglio una più piccola! Come hai detto? Hai la partita IVA e hai tempo a disposizione? Ah, io non potrei... mi annoierei..."

"Avete un prato? Quanto è grande? Così grande? E che te ne fai? Cosa serve in città? Noi lo abbiamo in collina..."

Per non parlare dell'ignoranza e dei luoghi comuni. Hai una casa? Stai bene! Ne hai due? Sei ricco! Hai un campo? TI ODIO!

Sul web c'è sempre qualcuno che ti sbatte in faccia le proprie felicità. Quindi, pur riconoscendo le mie eccentricità, cerco di non rendermi antipatica. So cosa vogliano dire le parole: affitto, mutuo, condominio, vicini e strade rumorose. La mia storia aiuta a dire meno cretinate. E di cretinate ne sento e leggo parecchie.
Puoi inciampare sulla fortuna; coltivarla e curarla sta a te!

Invidio, in senso buono, l'ordine e la pulizia altrui. Non mi lamento, questo è certo, ma c'è sempre qualcosa da fare, e possedere "il verde" significa: tagliare, potare, aspettare. Nel mio caso ci guadagno solo in benessere spirituale e in economia domestica (e anche anche).
Curo la casa, l'orto, il prato (con mio marito), il giardino e appoggio mio marito. E da femminista, capite, non posso dire: ho scelto di fare la casalinga e la "cazzara" in rete (quando vedo un soldo è ora di pagare un'imposta!), perché per 23 anni ho fatto un lavoro che odiavo!
No, bisogna "mentire"! E quando non lo fai, l'amica, che ha condiviso con te le cause femministe, ti sbatte la porta in faccia!
Vedete, ci sono abituata all'arroganza.

Vivo in simbiosi, da sempre. 

La mia è un'invidia buona, aiuta a migliorare. Mi tuffo nell'altrui bellezza. Lì ci rimango. Per osmosi.

Mi piacciono blog come questi: https://boscoparlante.com/


Pagine come queste: https://www.facebook.com/groups/428203723883268/

E video di questo tipo:




Adoro leggere di verde, montagne, colline,  oceani. Vivrei ovunque. Probabilmente non qui. Non in questa città. Non posso invidiare chi ha di più, chi legge, viaggia o cammina più di me. Vivo per apprendere, migliorare e curare, non per disimparare, peggiorare e distruggere.

***

Cronaca dal prato, frutteto, boschetto e giardino

Tana di grillo


Il video non è meraviglioso, non ho l'apparecchiatura. 
Sentite i suoni del boschetto! Cercate di non ascoltare i rumori della strada e seguite il chiacchierare della natura...







PELLE 

Piccolo dettaglio tecnico, sebbene non ami dare "spiegazioni": le sfumature sono volute e sono state fatte mentre fotografavo. Non utilizzo, da parecchio tempo, programmi per modificare - migliorare le foto. Quello che vedete è frutto, sempre, della mia mano e della mia testa. Nel bene. Nel male.
Aggiungo che blogger peggiora i miei "lavori".








In attesa che arrivino gli apicoltori - fuga delle api seconda parte


Marmellata di ciliegie.
 Potrei farle di mestiere... le marmellate. Sono brava, dico sul serio!


22 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Ieri ero "di fretta" ma poi mi sono messa a rispondere al tuo post e mi sono resa conto solo oggi di quanto avessi scritto :P Per cui dato che non voglio prendermi qui troppo spazio ti ho risposto dedicandoti a mia volta un post, spero che potrai togliere i commenti eliminati di cui sopra :)

    Risposta breve: Grazie per la dedica, non puoi sapere quanto l'argomento mi tocchi in questo particolare momento. Le foto sono tutte belle, mi piacciono soprattutto quelle della corteccia, ma ti ho lasciato altri commenti qua e là in merito :) Per quanto riguarda la marmellata be', hai il mio indirizzo :P Della ragazza del video invidio soprattutto la casa, mentre tu, per tutte le cose che hai scritto, sei da ammirare :) Come ti spiegherò di là abbiamo modi diversi di intendere le stesse affermazioni, io in caso ci vedrei delle critiche anziché invidia, ma credo dipenda dal proprio "io", da come percepiamo noi stessi e le nostre "cose". Tendo a vivere tutto con una sorta di senso di colpa e insoddisfazione latente, mentre tu hai una visione più chiara e nitida delle tue "cose" belle e capisci se l'attacco è in caso mosso da invidia. Viceversa non sono solita "invidiare" gli altri, non nel senso cattivo almeno, quindi quando mi capita di criticare qualcuno a mia volta lo faccio "solo" per quello, per quanto potrei essere invidiosa senza accorgermene ed essere mossa da un meccanismo di cui non sono consapevole.

    Risposta lunga: https://quiet-maelstrom.blogspot.it/2017/05/dellinvidia-e-altre-bestie.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo ieri, concordo con te. La tua analisi è PERFETTA. Sai, è probabile che quella che io chiamo "INVIDIA" sia soltanto "critica". Il problema nasce dalla mia suscettibilità. Sono e rimango una persona permalosa. Pur essendo a mia volta una donnina polemica, ma non è il vocabolo corretto, noto negli altri una vena di "supremazia", che non è nel mio DNA. Da bambina prima e da ragazzina dopo, ho subito 8 anni di bullismo, in quel frangente ho imparato a studiare le persone: pregi, difetti, punti deboli. Nel mondo reale, non sul web (sul web sono diplomatica ;)), se voglio far piangere qualcuno basta concedermi una decina di minuti, ed è capitato. Con questo voglio dire che raramente sbaglio (mi riferisco alle persone) e se intravedo del marcio quello viene in superficie. Tuttavia, essendo una personcina permalosa, con tutta probabilità scambio la critica per l'invidia. Sai, di gaffe nella vita ne faccio parecchie, ma se voglio fare un complimento, faccio un complimento, se voglio ferire, ferisco! Difficilmente mi esprimerò dicendo cose del tipo: "Di che ti lamenti?", e come dicevo basta darmi una decina di minuti per analizzare le persone, non è un vanto, basta osservare... ho avuto molto tempo da bambina

      Elimina
    2. Sbagliare è umano, ci mancherebbe. Nonostante qualcuno mi faccia i complimenti, sono cosciente dei miei limiti, e mi riferisco al mio vocabolario. Non conosco la grammatica, ad esempio. Con questo voglio dire che le parole sono importanti, ma non da un punto di vista letterario ;). Se decido di esclamare la frase: “Di che ti lamenti?”, ti ho fatto un torto. Puoi offenderti o non offenderti, ma sempre una baggianata ho detto! La vita, naturalmente, è fatta di sfumature, per questo sul web ho scelto la strada della diplomazia. La rete non ha sfumature. E’ nero su bianco, è priva di espressione. Quindi la frase “di che ti lamenti?” può essere esclamata in modo sarcastico, ironico, scherzoso, irriverente, buffo, innocuo, burbero… Mia madre è una persona che non ha filtri, critica qualsiasi cosa ed è incapace di leggere i propri difetti, mio padre, d’altra parte, è “il buffone di corte”, la diplomazia è la sua arma. Per fortuna ho preso da entrambi e quindi so utilizzare i filtri. Ti dico le cose in faccia, cercando di non offendere. Ultimamente, a dir la verità, mi interesso poco del genere umano! ;)
      Certo, posso sembrare presuntuosa, probabilmente lo sono pure, al mio ex datore di lavoro gli dava fastidio l’espressione “raramente sbaglio”. Purtroppo, per lui, è così. Quando arrivava una nuova collega, sapevo dopo un giorno di lavoro, se aveva voglia di lavorare. Basta leggere le sfumature. Oggi il mondo del lavoro è diventato “violento” e francamente sono contenta di non frequentare uffici e compagnia bella.
      In merito all’invidia non c’è molto da dire. Quando avevo 24 anni decisi di comprare casa, 55 mq circa, in verità fu un’idea dei miei. Aprii un mutuo, rimasi senza un soldo, nondimeno invitai amici e parenti nel giro di un mese per condividere “il mio spazio”. Se vengo a casa tua, magari noto il tuo arredamento e mi faccio un’idea, certamente se non mi piace qualcosa, educazione vuole, che faccia gli affaracci miei. Non ci vuole molto. Ho ricevuto numerose critiche, più che altro commenti caustici, cose del tipo “Ci impiegherai parecchio a pulire questo appartamento!”. Il risolino fa la differenza. Gli idioti li noti dal tono della voce. Battuta, risolino, movimento della testa, sguardo perso alla ricerca di approvazione, e c’è sempre qualcuno che approva! L’invidia, invece, ha una nota diversa, è come il profumo:
      Nota di testa: “Il tuo lavoro non lo farei mai!” - ATTACCO
      Nota di cuore: “Il mio perlomeno lascia spazio per andare a correre…” – SMASCHERAMENTO
      Nota di fondo: “La scorsa settimana sono andata a Milano…” – CONCLUSIONE

      Elimina
    3. La comparazione di questo tipo è spesso sinonimo di invidia. Non si sopporta la felicità altrui. Se una persona critica la tua casa, il tuo lavoro o il giardino è un conto. Se una persona oltre alla critica fa una comparazione, lì, molte volte, si nasconde l’invidia. L’invidioso, spesso con complessi di inferiorità, detesta la serenità altrui, e quindi deve sbatterti le sue “gratificazioni”: “Sei andato in India? E io sono andato in Scozia…” – “Hai un prato? E io ho gli ulivi…”. E come se io avessi detto, quando abitavo in un condominio di 20 famiglie e al primo piano: “Hai un terrazzino/giardino? Non saprei che farmene! Vivere al primo piano ti toglie da certi impicci…”
      Nota di testa: attacco – inizio il discorso
      Nota di cuore: smascheramento – ti critico
      Nota di fondo: conclusione – concludo sminuendoti con comparazione
      Alcune volte ci facciamo un’idea sbagliata degli altri: vita, atteggiamenti e modi di pensare.
      Le persone che dicono quel che pensano non sono molto amate.
      Le persone che dicono quel che pensano e ti sembrano “amate”, sono e rimangono doppiogiochiste. Prendi il web, la maggior parte dei blogstar/facebookstar sposa una tesi, non si allontana, rimane protetto dalla schiera di fan e insegue il plauso. Non è diplomazia è saper dire quello che gli altri vogliono sentirsi dire. Ad una mia collega ho detto che non era in grado di svolgere un lavoro, dopo due mesi si è licenziata. Se avessi fatto il suo lavoro, facendogli capire i suoi di errori, sarebbe rimasta. Ora, dipende se nella vita si cerca la giustizia o il plauso.
      Probabilmente sono una persona invidiosa. ;)

      Elimina
    4. Rispondo con questo profilo perché sono dal cel.
      Come dicevo di là non penso tu lo sia, o almeno non mi hai mai dato motivo di crederlo :) Penso che sei, a ragione, sicura di te, delle tue cose e del fatto tuo, oltre a vederci più lungo di me in queste cose, intendo nella differenza tra critica e invidia. Non ho mai imparato a riconoscere l'invidia negli altri perché non penso di essere individiabile, di contro posso non rendermi conto di essere a mia volta invidiosa. Dovrei essere più sicura di me quando mi giudico e saprei riconoscere la prima ed evitare la seconda. Non penso tu possa essere invidiosa proprio per questo. Credo sia la prima volta che l'argomento mi entra così bene in testa e mi ha fatto piacere poterlo snocciolare, meglio di una seduta! Grazie di nuovo :*
      Per quanto riguarda i diplomatici ho capito cosa intendi, alla fine è una scelta, ma nella vita reale mi sembra che mi causi più mal di fegato l'eccessiva diplomazia (nel mio caso la trovo eccessiva) di fronte a certe persone che il dirgli le cose come stanno. Tanto se c'è qualcosa che non mi va finisco per allontanarmi da loro perché arrivo al limite della sopportazione proprio a causa del fatto che fingo che mi vada sempre bene tutto. Alla fine se qualcuno non mi piace comunque smetterò di averci a che fare, quindi perché perderci tanto tempo cercando di "tenerlo a bada" non me lo spiegherò mai :/

      Elimina
    5. Non c'è motivo che qualcuno invidi me o la mia vita, in verità sono poche le persone invidiabili, tuttavia è l'atteggiamento che fa la differenza. Faccio un esempio, stamattina ho perso la mattinata in giardino. Se ti dicessi: "Stamattina sono stata quattro ore a togliere erbacce e i fiori appassiti..." è un conto, se la raccontassi alla mia maniera, dilungandomi con bulbi di fresie e tulipani, impianti di peperoncini pyramid o glaucium florum, potature lievi di calendula, rose e gerani... a te sembrerebbe "una vita magnifica". Se ti dicessi: "Ho le unghie nere dopo un pomeriggio passato nell'orto e ogni giorno torno a casa con i piedi sporchi..." è una storia, se la mettessi giù in un altro modo: "Ho infilato le mani e i piedi dentro la terra..." le cose, chissà perché, sembrano diverse. Ecco, in generale si invidia "l'apparenza"... Quindi può essere che tu venga semplicemente criticata, e io invidiata, come tanti altri, per l'entusiasmo.

      ps: devo scappare... baci

      Elimina
  3. Ottima filosofia Simo quella per cui vivi.

    Io mi son fatta l'idea che la gente si impiccia delle cose degli altri per ergersi a persona superiore evitando così di guardarsi allo specchio e rischiare di scoprire di essere peggiore.

    Molte femministe alla parola "casalinga" reagiscono come i vampiri davanti al crocefisso. Se non sei una attivista con almeno una punta di fanatismo non conti nulla, se poi sei pure casalinga, anatema!!!!

    RispondiElimina
  4. Da molto tempo mi soffermo poco ad ascoltare i commenti distruttivi e superflui. Setaccio e accolgo quelli costruttivi, questo si, solo che poi la mia natura non la cambio: sono io a dover convivere con me stessa e siccome nella mia interiorità sto benissimo, perché badare alla pochezza altrui? Tu mi piaci come sei, nelle luci e in qualche ombra fuggevole. Se è così anche per te, sei in pace e non ti serve nient'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nat, troppo buona. C'è tanta superficialità a 'sto mondo, bisogna portare pazienza ;)
      Un abbraccio :*

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Scusa Simo, ho eliminato tutti questi post perché oggi non riesco a scrivere, faccio un sacco di "orrori" di scrittura.
      Volevo finire ciò che ho scritto ieri.
      Pensa che io sono stata criticata perché "troppo sorriso, troppa ironia".... poi se non sorridi però sei antipatica. E dire che l'ironia, se non è stupido sarcasmo, è una virtù. Ma a qualcuno disturba, forse perché non sa sorridere.

      Tu vai benissimo così, scrivi benissimo, pensi con intelligenza, sei libera, hai una vita piena di amore, hai un luogo magico da accudire che ti aiuta ad isolarti dal caos cittadino e dalle persone "becere", sei colta, non ascoltarli, non stressarti per lor, se mai accadesse, poiché non ne vale la pena, chi guarda sempre agli altri per criticare ha qualche serio problema con se stesso, ha ragione Silvia quando dice che è un problema loro.
      Spero di avercela fatta a scrivere senza errori.

      baci :***

      Elimina
    4. Grazie Rossella. Di cuore. La gente ha davvero tempo da perdere, che pensassero agli affaracci loro!
      Per il resto, ancora grazie... :*

      Elimina
  6. Domani, se riesco, rispondo a tutti. Un abbraccio :*

    RispondiElimina
  7. Scrivi così bene quello che penso anch'io...
    Poi mi piacciono le tue foto, delicate, fresche e bellissime.
    Grazie.

    RispondiElimina