sabato 24 febbraio 2018

IL CORPO

Opera di Maggie Taylor
Quando scrivo un post sono in qualche modo influenzata da quello che mi circonda, dalle letture, dai documentari, dalle riviste, dalle piccole e grandi meraviglie della vita. 
Mi piace trasmettere, attraverso i miei occhi, gli odori, i sapori e le sensazioni del quotidiano.

Identità


Opera di Benjamin Lacombe

Il corpo è la nostra casa, spesso lo scordiamo. Alcuni hanno la fortuna di nascere belli, altri devono combattere tutta la vita con ciccia, difetti e pelle imperfetta. La gestione del corpo è un business: palestre, dietologi, alimentaristi, beveroni, psicologi, personal trainer, riviste, integratori, tisane, libri...
Per quanto mi riguarda non so cosa voglia dire essere magra, né sono mai stata un peso forma. Sono piuttosto cicciotta.
Molte donne non riescono ad accettare il proprio corpo, ognuna ha una storia diversa: malattie, età (il mio caso), maternità... Siamo bombardate ogni giorno da immagini di "creature perfette"; perfino le mie amiche "femministe" amano postare foto di donne bellissime, che non rispecchiano certamente la "normalità". Perfino le amiche di rete, su Facebook, si truccano per una posa, e poi ti sfiniscono con concetti del tipo "tutto ciò che è naturale è bello". Ssse!
Personalmente devo buttare metà del guardaroba, ho preso dieci chili, nonostante la dieta, non sto perdendo un grammo. Ci sono giorni in cui vedo tutto nero, perché mentre le altre possono ingozzarsi di cioccolata, io ingrasso semplicemente respirando. Lo sanno bene le donne della mia famiglia, che per dimagrire sono costrette a sottoporsi a diete e a ore e ore di palestra, lo sa Taryn Brumfitt, che, arrivata ad avere un fisico asciutto, è tornata sui suoi passi per raggiungere, nuovamente, la morbidezza delle curve. 

Alt! Non sto dicendo che è bello essere grassi o magri! Non sto dicendo "non truccatevi"!



Se poi siete convinte che gli uomini guardino soltanto un certo tipo di donne, il problema è nella vostra testa, perfino di quelli che fanno battute idiote, senza sapere che tutto "torna indietro".


Terra violata


"Gli uomini sono fratelli fra loro. Cessano di esserlo quando la terra viene divisa da steccati e confini"

Heinmot Tayalaket 

"Lasciateci in pace. Non vogliamo il vostro oro e il vostro argento, né le vostre ricchezze, né le vostre virtù. Noi possiamo vivere bene purchè ci lasciate in pace. Non vogliamo perdere la bellezza del canto mattutino delle allodole..."

Toro seduto

9 Ottobre 1963, ore 22.39. Un lampo accecante anticipò un pauroso boato: dal fianco del monte Toc si staccò la temuta enorme frana formata da un'unica massa di 260-270 milioni di metri cubi di roccia, che, precipitata nell'acqua del lago artificiale, provocò il sollevamento di una dirompente onda alta centinaia di metri formata da 50 milioni di metri cubi d'acqua. Fu l'apocalisse. L'onda, scalcata la diga, andò a schiantarsi sulla sottostante vallata di Longarone spazzando come indifese fuscelli abitanti, villaggi e portò via con sé 1917 vite umane.

Da Vajont - cronaca di una tragedia annunciata di Renato Zanolli

"Stringo i denti e diranno che rido..."

Franchetta, vittima del processo alle streghe tenutosi a Triora tra il 1587 e il 1589

... Durante la prima metà del XX secolo, diversi stati si dotarono di istituti di assistenza sociale per i nativi. Questi instaurarono l'uso di separare i bambini dalle loro famiglie basandosi sul colore della pelle; i bambini dalla pelle più chiara venivano sottratti con la forza alle loro famiglie; spesso i genitori aborigeni arrivarono a scurire la pelle dei loro figli per poterseli tenere. Questo aspetto della storia aborigena è ancora aperto e oggetto di vivo dibattito.
La costituzione australiana non riconosceva agli aborigeni il diritto di voto. Nel 1967 è stato indetto un referendum per permettere ai nativi australiani di votare e consentire al governo federale di emanare leggi per i nativi australiani. Il referendum ha avuto successo, un'ampia maggioranza ha votato a favore degli emendamenti costituzionali proposti...
Da Wikipedia


Zoo umani
***
Opera di Rebecca Draumeter
Nelle sue contraddizioni, crudeltà, l'essere umano sa amare e sognare. Se solo riuscissimo a trovare un equilibrio tra corpo e anima, tra economia e rispetto per la vita...

"Indipendentemente dal credo professato, la cosa più importante è possedere una mente fredda e un cuore caldo."

Dalai Lama

Canto il sè

Canto il sé, la semplice singola persona, 
Ma aggiungo anche la parola Democratico, la parola in-Massa.
La fisiologia da capo a piedi, canto.
Né la fisionomia né il cervello sono degni da soli della Musa, la Forma completa è di gran lunga più degna.
Canto imparzialmente la Femmina insieme col Maschio.
La vita immensa nella sua passione, impulso, e forza, Gioiosamente, per un più libero agire sotto le leggi divine,
L'uomo moderno, io canto.

Walt Whitman da "Foglie d'erba"



"... Natura/purezza..."
"Felicità è vera soltanto se condivisa."

Christopher Johnson McCandless - Nelle terre estreme di Jon Krakauer
Notizie e libri (non letti) che mi hanno consigliato, e quando qualcuno consiglia  e condivide qualcosa mi sento "amata".



Non ho inserito tutti gli articoli per il copyright. Ringrazio Nat per avermeli spediti...
I miei post sembrano "strani", e privi di senso, ma il senso c'è sempre... fidatevi!

domenica 18 febbraio 2018

ànemos - ll soffio -


Non vivo in una città da favola, lontana dal traffico, smog, inquinamento e brutture, tuttavia ho deciso di guardare il lato positivo. Mio marito ed io possediamo un pezzetto di terra e ci prendiamo cura, nel nostro piccolo, degli alberi (tanti), dell'orto e di un piccolo giardino. Mio marito lavora tutto il giorno, io faccio quello che posso, e a dirla tutta sto ancora imparando. Non c'è nulla di romantico nel portare a spasso i cani sul prato in pieno inverno, non c'è nulla di romantico nel fango, non c'è nulla di romantico nel tagliare l'edera per far respirare gli alberi, non c'è nulla di romantico nelle spine, nel regolare una siepe o nel combattere contro lumache, talpe ed insetti. Bio o non bio ci sarebbe sempre da fare. Non c'è nulla di romantico nelle foglie malate, nell'albero di cachi che perde tutti i frutti o ogni volta che muore una pianta. I fallimenti sono all'ordine del giorno.
Quando mi si chiede cosa voglia dire per me essere Animista, non so come rispondere. Sono umana, non un'eremita, né una santa. E quando vedete delle mani rovinate, una ferita di zecca o sentite arrivare la bufera pensate a chi si prende cura del verde (e non necessariamente parlo di me). Certo, avrete la fortuna di vedere farfalle, bruchi, api... Avrete la fortuna di riconoscere il Codirosso, il Codibugnolo e lo Scricciolo. Vi faranno visita qualche carbonazzo o topolino, e io che sono in città, non lontana da un pollaio e corsi d'acqua, vedo pure topoloni... Insomma la natura è: spietata, crudele, passionale, buona. Non è né santa né buddista. Ho imparato a riconoscere le erbe. Questa è una parte della mia vita, la mia scuola e la mia passione. Una passione che ha anche mia mamma che coltiva orchidee in casa e sul terrazzino ha piante, nonostante abiti in un appartamento che si affaccia sulla strada. E vasi di basilico, pomodori, salvia, rosmarino, peperoncini e piccole arance non sono mai mancati a casa dei miei, malgrado la città, lo smog e la vita condominiale.

ANIMA MUNDI

Le foto e i video sono state scattate con un vecchio cellulare. Non ho inserito nulla di "artistico", semmai di naturale.

Cosa vedono i miei occhi


Questa è un pezzo di edera tolto da uno degli alberi lungo la roggia



L'ORTO IN INVERNO


IL GIARDINO DI FEBBRAIO




I FRUTTI DELL'ORTO E/O COSE FATTE IN CASA






IN GIRO IN GIRO





IN GIRO IN GIRO PARTE SECONDA









***

Messaggi ai "colleghi" dei social

Mi scuso per le mie assenze. Appena riesco risponderò a mail, messaggi, commenti e passerò a salutarvi...

***

Continua...